La separazione dei beni spiegata

Ci è capitato spesso di ricevere domande sul tema della separazione dei beni, come essa funzioni e quali siano i suoi effettivi benefici. Si tratta, a quanto pare, di un argomento che crea confusione nella maggior parte dei cittadini in procinto di siglare un contratto matrimoniale, quindi oggi cercheremo di dare una spiegazione il più semplice possibile sull’argomento evidenziando i suoi punti chiave.

 

Quando si applica?

Prima della riforma del diritto di famiglia, entrato in vigore dal 1975, la separazione dei beni era la modalità contrattuale standard che veniva applicata a tutte le coppie neo sposate. Da questa data in poi si è invece scelto di applicare automaticamente la comunione dei beni salvo diversamente specificato dai coniugi stessi.

La separazione dei beni può essere stipulata sia prima che durante che dopo il matrimonio. Tutto ciò che i coniugi devono fare per scegliere questa opzione contrattuale è rivolgersi ad un notaio e stipulare quello che in gergo viene chiamato “atto di convenzione matrimoniale di separazione dei beni”.

 

Quali sono i vantaggi?

Quando una coppia sceglie questo tipo di gestione patrimoniale, lo fa perchè consapevole del rischio che il rapporto possa finire. Ciò non deve essere visto come qualcosa di negativo anzi, è solo un modo per tutelare i propri interessi economici qualora le cose dovessero andare male.

La separazione dei beni prevede che i patrimoni dei coniugi rimangano separati e totalmente indipendenti l’uno dall’altro. Ogni uno potrà quindi gestire, godere e disporre liberamente dei propri beni senza dover rendere necessariamente partecipe l’altro.

Fanno parte della separazione tutti i beni, sia quelli posseduti prima del matrimonio come anche quelli acquisiti in seguito col proprio capitale. Da notare che in caso di morte di uno dei due partner, il regime di separazione non modifica in alcun modo il diritto di successione.

  • tags

Related Posts

Got Something To Say:

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*