Legge di stabilità 2016

Come saprete dai vari telegiornali, radio e giornali, qualche giorno fa, precisamente il 15 ottobre 2015, il governo italiano ha approvato la Legge di Stabilità che revisiona moltissimi aspetti del piano economico nazionale. Pur essendo stata respinta dal parlamento europeo, Renzi sembra deciso a riprensetarla senza modifiche poichè è convinto della sua effettiva validità. Nel seguente articolo evidenzieremo solo alcuni dei punti cardine di suddetta legge.

Il primo punto che interesserà tutti i cittadini e che è ancora oggetto di parecchie controversie fra i vari schieramenti politici è l’eliminazione completa della tassa sulla prima casa, più conosciuta come IMU e TASI. A prima vista potrebbe sembrare una cosa positiva, ma il problema si pone poichè anche i super ricchi si vedranno rimuovere tale tassa, risultando in una cospicua perdita di introiti per le casse dello Stato. Non sarebbe meglio togliere le tasse sulla prima casa a chi ha un reddito inferiore ad un determinato tot?

Un altro punto che sta facendo discutere è l’implementazione del canone RAI direttamente nella bolletta elettrica al costo fisso di 100 euro annui. Suddetta scelta è stata giustificata come metodo efficacie alla lotta contro l’evasione, il problema però lo hanno coloro che non posseggono una televisione e che quindi si vedranno costretti a sborsare comunque 100 euro. Tutto dipenderà da come il governo deciderà di regolarsi.

In questa legge di stabilità si è voluto mettere mano anche alle imprese aiutandone gli investimenti con i cosiddetti super ammortamenti che vedono salire il valore della deduzione al 140%. Ci sono moltissimi altri punti dedicati alle imprese che non staremo qui ad elencarvi perchè troppo ci sarebbe da dire, ma secondo voi, potrebbe essere questa la strada giusta?

  • tags

Related Posts

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*