Bozza del piano economico approvato: ora tocca all’ Europa

La tanto discussa bozza del piano economico per la prossima manovra finanziaria è stata approvata ieri sera e, nonostante debba ancora passare sotto l’attento esame delle varie forze politiche in Parlamento, il risultato ha soddisfatto i leader dell’ attuale Governo.

La prossima tappa è l’ Europa che però si dice estremamente scettica sull’ azzardo italiano con il presidente della commissione UE Junker che afferma: ”Se accettassimo il derapage alcuni Paesi ci coprirebbero di ingiurie e invettive con l’accusa di essere troppo flessibili con l’Italia” . La replica di Matteo Salvini non si è fatta attendere ed il vicepremier leghista ha suggerito al commissario, con il suo solito stile canzonatorio, di: “farsene una regione e prendersi un caffè”.

Il premier Giuseppe Conte ha invece ridimensionato i toni, riportando il contenuto della telefonata cordiale avvenuta qualche ora fa proprio con Junker, al quale ha assicurato che il deficit sarà ridimensionato entro i successivi 2 anni e tornerà tutto nella norma.

La bozza del piano economico dunque deve solo attendere la prova europea il prossimo 18 Ottobre nella speranza che si riesca a giungere ad un compromesso significativo. Conte ha inoltre ribadito che l’ Italia è uno dei paesi fondatori dell’ UE e che presenterà le proprie idee nel pieno rispetto degli accordi stipulati con gli altri Paesi ma senza rinunciare ai propri diritti.

Non ci resta dunque che attendere gli sviluppi per capire se questa bozza sarà in grado di soddisfare gli economisti dell’ euro parlamento per poter così proseguire la propria strada verso l’attuazione. Le manovre proposte sono interessanti ma non prive di rischio eppure c’è chi spera che possano davvero rivelarsi la soluzione più efficace.

  • tags

Related Posts

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*