Acquistare per affittare una casa, è davvero conveniente?

Una delle forme di investimento più utilizzate da chi ancora può permetterselo, è quella di acquistare ed affittare una casa o un locale, per godere di un reddito aggiuntivo. Con la crisi che fa ancora sentire la sua presenza, seppur gli andamenti sembrano essere nettamente più positivi, è bene valutare se questa scelta di investimento sia ancora valida o meno.

Attualmente lo Stato prevede alcune agevolazioni piuttosto interessanti per chi desidera acquistare ed affittare un locale. Stando a quanto riportato nel decreto interministeriale n° 282 del 2015, vi è infatti la possibilità di ottenere una deduzione sul reddito pari al 20% del prezzo dell’acquisto, suddivisa in 8 quote annuali a partire dal momento della sottoscrizione del contratto d’affitto. Va però tenuto presente che rientrano in queste agevolazioni solo le locazioni ad uso residenziale.

Si escludono dunque tutti quegli utilizzi in qualità di impresa, quali bed&breakfast, case vacanze e simili. Che inoltre non risultano un investimento del tutto ideale per chi vuole acquistare ed affittare la casa, viste le ulteriori spese accessorie quali: spese di lavanderia, di pulizia, colazione e via discorrendo.

Riassumendo, questo tipo di investimento è ancora valido fintanto che la casa che andrete ad acquistare venga adibita a residenza per l’affittuario, assicurando alla lunga un guadagno potenzialmente maggiore di quanto speso per l’acquisto. Tutta via è sconsigliabile lasciarsi tentare dalla prospettiva di adibire la locazione ad un attività di affitto non continuativo, per via degli ulteriori costi che questa prevede.

  • tags

Related Posts

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*